Troppo grande e troppo bello?

Il conto alla rovescia dice “meno 13 giorni” all’inaugurazione e i preparativi fervono, malgrado il centro medico funzioni a pieno ritmo.
davanti
Il cantiere però non è finito: il pittore fa le insegne e i fumetti nella pediatria e le due piccole casette che stanno sorgendo (una specie di bar e una cucina tradizionale). La sala del dentista va equipaggiata, così pure (se ci arrivano ancora dei fondi) la sala della fisioterapia.
Molte altre cose devono ancora trovare soluzione, compreso dove mettere le 300 persone attese il 10 ottobre per la cerimonia e la festa.
La gente è sorpresa e soddisfatta della bellezza dei locali che riusciamo a tenere ben puliti malgrado la stagione delle piogge non sia finita e la strada che arriva al centro non sia asfaltata.

C’é qualcuno che vedendo le foto del centro medico su internet reagisce dicendo che non trova questo nemmeno in Europa (ma esagera).

Voglio dirvi perché ci teniamo a che il centro sia bello oltre che funzionale.
Si pensa che quando si fa un’opera sociale, che cerca di curare anche i più poveri, allora un posto piccolo e brutto può andare. Se c’è rumore o se è un sporco, che vuoi farci!

sala ospedale
I posti belli e puliti, che danno un buon servizio sono riservati ai ricchi che si possono permettere la clinica, no?

Non è questa la nostra visione dell’umanità, che noi vediamo come una sola famiglia.
Il sogno che si sta realizzando è quello della dignità, che riguarda ogni uomo qualsiasi sia il suo livello di vita.
Quando un paziente mi dice: “È molto bello, avete fatto un buon lavoro!” rispondo “l’abbiamo fatto per voi!” e sanno che è vero.
C’è anche chi dice che il centro sia troppo grande: usandolo ci siamo accorti che non c’è una sola sala inutile o esagerata, anzi!
dentista
Mi ha sorpreso constatare quanto un buon progetto e una buona edilizia aiutino a lavorare meglio. Una volta sotto l’apatam (di accoglienza) i pazienti, ovunque vadano, sono al coperto. Coi soffitti alti e i corridoi spaziosi non c’è caldo anche senza condizionatori. Non c’è rumore malgrado il gran numero di persone. Non c’è confusione.
Alla fine della giornata siamo meno stanchi e anche gli ultimi pazienti hanno più facilmente la nostra completa attenzione e il massimo della disponibilità.

Un sogno che si realizza

Domani si comincia!
Il nuovo Centro Medico apre le sue porte ai pazienti dopo 15 giorni di interruzione dei servizi, per permettere il trasloco e l’installazione del nuovo materiale.
Certo ci sono molte cose da finire specie all’esterno… ma possiamo lavorare!
cms2
Sembra un sogno, immaginato per 4 anni quando ci era stato proposto il nuovo terreno, quando abbiamo cintato i 2 ettari, quando abbiamo disegnato il progetto con tutti i servizi…
cms01
Quattro anni di emozioni, quando quasi senza fondi propri abbiamo visto le donazioni arrivare, come per dirci che il progetto era “benedetto”, era sostenuto in alto e – non sapete come – dalla gente qui.
Poi in dicembre 2013 lo scavo delle fondamenta e a marzo 2014 l’inizio della costruzione con i primi muri: un anno e mezzo di lavori.
Quindi pronti? via!
Avanti secondo il nostro motto: “quando la qualità e il sociale si uniscono per la vostra salute”, con un occhio rivolto sempre ai più poveri, a chi altrimenti non potrebbe curarsi (migliaia di persone in questi anni )
Sempre avanti!
Grazie a tutti quelli che ci hanno sostenuto e continuano a farlo.
Un grazie sentito infine a Godlove, – il costruttore – e a Mr Yapo che ci ha aiutato a trovare materiale e strumentazione.
Per chi può… appuntamento a Man il 10 ottobre per l’inaugurazione ufficiale.
invito02